Quando si tornerà in concorso?

Eventi
Fei e Fise vogliono dare il via alle competizioni al più presto, ma intanto alcune tappe della Coppa del mondo 2020-2021 sono già state cancellate

L’attività agonistica dei circoli ippici è ripartita per tutte le discipline, la scuola anche (quella nei maneggi, perché il ritorno sui banchi è ancora remoto) e ad ora si attende solamente la ripartenza delle gare. 

Una cosa che avverrà a breve, almeno stando alle dichiarazioni della Federazione Equestre Internazionale, che ha già dato il via libera alle competizioni internazionali a partire dal 1 luglio, il tutto secondo un protocollo che prevede che le singole federazioni nazionali e i vari comitati organizzatori effettuino preventivamente una valutazione su ciascun evento per capire se vi siano o meno le condizioni per farlo. Inoltre, ciascun comitato organizzatore dovrà obbligatoriamente considerare i livelli di rischio in collaborazione con la federazione nazionale di riferimento, il governo e le autorità sanitarie. Nel protocollo si legge quindi che “gli eventi per i quali la Fei non riceverà il completo piano di valutazione dei rischi e delle misure di controllo saranno rimossi dal calendario internazionale”. A questo proposito la Federazione Italiana Sport Equestri è partita con largo anticipo e fa il test a partire dalle gare nazionali, tentando di dare il via già a partire dal 15 giugno.

Per farlo ha predisposto un protocollo che traccia le linee guida per le manifestazioni di ciascuna disciplina affiliata alla Fise. Basato sulle norme vigenti riguardanti il contenimento del contagio da Covid-19, il documento è stato messo a disposizione di tutti gli utenti che, dopo averlo consultato, potranno anche suggerire modifiche o aggiustamenti inviando una mail a m.lombardi@fise.it entro il 7 giugno 2020.

Intanto però, nel panorama mondiale, continuano a sparire dal calendario importanti eventi quali la tappa di Coppa del Mondo di Helsinki, in programma dal 22 al 25 ottobre e quella di Madrid, prevista per l’ultimo weekend di novembre. Insomma, mentre ci si proietta verso una nuova riapertura, sembra che alcuni ci ricordino che le ragioni e le cause della chiusura sono tutt’ora ancora tra noi.

 

A questo link si può consultare il protocollo Fise

https://www.fise.it/images/AAANEWS2016/DOCUMENTI/DOCUMENTI_2020/Protocollo_attuativo_gare_1_giugno_2020_revpdf.pdf

 

Sara Stopazzini

 

 

 

 

 

Menu